Integratori, l’online continua a crescere a doppia cifra e nei volumi è davanti alla parafarmacia

L’avvento dei dispositivi mobili ci ha portato tutti a un diverso modo di interagire con l’elettronica e l’automazione. La terza versione di Sintesi, il magazzino automatizzato dei farmaci prodotto da Pharmathek, ha introdotto Gemini: l’interfaccia verticale da 22’’, personalizzabile in completa autonomia, che sfrutta tutte le potenzialità delle logiche dei dispositivi mobileper rendere ancora più semplice il lavoro.
Dare più tempo al team in farmacia è la parola d’ordine, visti i servizi che il presidio sanitario offre ai pazienti. È sempre più importante semplificare (e automatizzare) le operazioni che non richiedono la competenza specifica del farmacista, il quale deve avere più tempo da dedicare alle attività che sono il cuore della professione.

Fonte: Pharmacy Scanner

Iqvia, nella settimana 49 battuta d’arresto che erode appena la crescita cumulata

E’ una piccola battuta d’arresto, che erode soltanto in minima parte la crescita delle ultime settimane, quella in cui incorre il mercato della farmacia nella settimana che va dal 6 al 12 dicembre: il giro d’affari arretra dell’1,8% rispetto agli stessi sette giorni del 2020 e totalizza sugli 11 mesi e mezzo poco meno di 23 miliardi di euro; i volumi arretrano del 2,1% e sfiorano i 2,3 miliardi di confezioni. Sono le cifre che arrivano  dal report con cui Iqvia aggiorna numeri e percentuali del canale alle prime 49 settimane dell’anno: dall’inizio di gennaio al 12 dicembre la crescita cumulata a valori sul 2020 ammonta al 2,5% (era il 2,6% la settimana prima) e a volumi al +0,7% (invariato).

La frenata riguarda soltanto il comparto del farmaco con ricetta, che nei sette giorni perde il 6,1% su base annua (cioè 2021 vs 2020) e nella crescita tendenziale arretra di un decimo di punto, dal +0,8% della settimana 48 al +0,7% della 49. Di tutt’altro segno l’andamento dell’area commerciale, che nei sette giorni guadagna il 4,1% sul 2020 e negli 11 mesi mantiene stabile la crescita cumulata (+3,6%).

 

Fonte: Pharmacy Scanner

Da tamponi e vaccinazioni dilemma “evoluzionistico” per la farmacia indipendente

Tamponi antigenici e vaccinazioni – contro covid così come contro l’influenza – hanno proiettato la farmacia italiana in una dimensione nuova e anche “internazionale”, come si evince dai comunicati con cui Fofi e Federfarma hanno accolto le novità legislative dei mesi scorsi parlando di allineamento ai principali Paesi europei. Ma se allineamento dev’essere, diventa un esercizio intellettuale obbligato osservare anche gli adattamenti che nei Paesi vicini stanno maturando sulla spinta dei nuovi ruoli e servizi.. In Scozia, per esempio, la catena di farmacie indipendenti Rowlands – che fa capo al gruppo Phoenix – ha inaugurato di recente una nuova “concept pharmacy”, ossia un nuovo modello di farmacia che dovrebbe essere di ispirazione per ripensare gli altri esercizi dell’insegna. Il gruppo ha inaugurato il punto vendita senza il clamore che di solito accompagna questo genere di eventi (nessuno ha scritto di “farmacia del futuro”) però le novità che contraddistinguono il concept danno da pensare.

 

Fonte: Pharmacy Scanner